Guida Google Analytics

guida google analytics

Guida Google Analytics

Google Analytics è un servizio che consente di analizzare il flusso di visite e gli accessi su un sito, rileva il comportamento degli utenti e monitora i contenuti e le pagine più viste e apprezzate del sito stesso.

Questa è una Guida introduttiva per tutti coloro che vogliono capire come leggere ed interpretare in modo facile i dati di Analytics senza impazzire. Ovviamente non vuole essere una guida con carattere di esaustività, per la quale invece si rimanda alla documentazione ufficiale Google (qui).

Prima di tutto devi accedere al servizio di Analytics cliccando sul seguente link: www.google.com/analytics

Quindi devi cliccare il pulsante “Accedi” inserendo il tuo indirizzo email (quello con cui ti sei registrato al servizio o quello che è stato appositamente abilitato alla lettura ed analisi dei dati).

A questo punto dovresti trovarti davanti una schermata del genere, con un Menu di Navigazione a sinistra e una Scheda con grafici e tabelle sulla destra.

guida google analytics

CHI sono i tuoi visitatori?

Questa prima schermata offre una Panoramica generale del sito monitorato. Qui potete vedere il numero di:

– Sessioni – numero totale di sessioni nello spazio temporale scelto. Corrispondono al periodo di tempo in cui un utente interagisce con il sito web (potete modificare il periodo temporale in alto a destra inserendo le date che vi interessano).

– Utenti – numero di persone che hanno visualizzato il sito (include sia gli utenti nuovi che quelli di ritorno)

– Visualizzazioni di pagina – indica il numero totale di pagine che sono state visualizzate dagli utenti del sito

– Pagina/sessione – corrisponde al numero medio di pagine visualizzate durante una sessione di visita

– Durata media sessione – il tempo che gli utenti in media passano sul vostro sito

– Frequenza di rimbalzo – un utente entra ed esce dalla stessa pagina senza interagire con essa e senza visualizzare altre pagine del sito.

– %nuove sessioni – una stima della percentuale delle prime visite

– Grafico a torta rappresenta la percentuale di nuovi visitatori (quelli che accedono sul sito per la prima volta) e di ritorno (quelli che cioè hanno già visitato il tuo sito internet)

– Nella parte inferiore infine è possibile visualizzare altri dati demografici interessanti come lingua, paese e città della connessione, oppure il sistema operativo e/o il dispositivo utilizzato per vedere il sito.

Sempre all’interno del menu “Pubblico” un’altra sezione interessante è quella rappresentata dalla voce “Mobile”.
Nel primo sottomenu “Panoramica” puoi vedere quanti utenti accedono al sito da: Desktop (ossia computer e portatili), Tablet oppure Cellulari/Smartphone.
Nella seconda voce “Dispositivi” puoi addirittura vedere i modelli specifici dei terminali usati per accedere sul sito (tipo quanti accedono con l’Ipad Apple o i vari modelli dei cellulari etc).
Superfluo dire che il sito deve essere responsivo (ossia adattabile a tutti i dispositivi) per poter sfruttare questa sezione.

La seconda schermata importante è quella visibile cliccando “Acquisizione” e poi “Panoramica” per vedere quali sono le principali fonti, o canali, che portano traffico e visitatori sul sito.

guida google analytics

Da DOVE provengono?

Nel grafico a torta, e nella tabella sottostante, puoi vedere da dove arrivano gli utenti che visitano il tuo sito. I canali principali possono essere:

– Ricerca organica – sono tutti quei visitatori che scrivendo determinate parole chiave sul motore di ricerca finiscono sul tuo sito internet (questa percentuale dimostra la forza di posizionamento/SEO del sito)

– Diretto – sono tutte quelle persone che hanno digitato l’URL del sito direttamente nella barra di ricerca (magari dopo aver lasciato un biglietto da visita) oppure che l’hanno salvato nei preferiti del browser (questa percentuale dimostra la brand reputation del tuo marchio e un certo grado di fedeltà del tuo pubblico)

– Social Network – il traffico provienente da reti social (come Facebook, Twitter, Pinterest etc)

– Referral – cioè il traffico proveniente da altri siti che puntano al vostro sito

– Campagne – ovvero il traffico proveniente da inserzioni pubblicitarie a pagamento, come Adwords (ovviamente se non avete impostato nessuna campagna pubblicitaria, questa voce non comparirà!)

Un’altra voce interessante, per quanto non esaustiva (anzi tutt’altro), è “Ottimizzazione per i motori di ricerca” dove potrai vedere quali sono le chiavi di ricerca (=keyword) inserite dagli utenti su Google e grazie alle quali atterrano/o potrebbero atterrare sul tuo sito!
Grazie ad un’analisi attenta di questa pagina, e possibilmente incrociando i dati con altri strumenti di controllo, riuscirai a capire quali sono i “desiderata” del tuo pubblico di riferimento e potrai quindi rinforzare e migliorare i contenuti del tuo sito, in quell’ambito, al fine di intercettare quella fascia di utenti e quel bisogno specifico.

La terza schermata importante è quella visibile cliccando “Comportamento” e poi “Panoramica” perchè ti consente di capire il comportamento dei visitatori una volta che sono sul sito: puoi conoscere quali sono le pagine più viste, come ci interagiscono e quanto permangono sul sito.

guida google analytics

COME si comportano?

Alla voce “Panoramica” puoi visualizzare quali pagine sono maggiormente visitate dagli utenti osservando la tabella in basso a destra: questo significa che per rendere ancora più soddisfacente l’esperienza di visita potresti cominciare a lavorare proprio su quelle pagine per migliorare le conversioni ed il numero di contatti degli utenti.

Nella stessa schermata inoltre puoi vedere:

– Visualizzazioni di pagina – indica il numero totale di pagine del sito visualizzate (comprende anche le visualizzazioni ripetute della stessa pagina)

– Tempo medio sulla pagina – indica la quantità media di tempo passato dagli utenti a visualizzare una specifica pagina

– Frequenza di rimbalzo – è la percentuale di visite di una sola pagina, ossia visite in cui la persona esce dal sito dalla stessa pagina in cui è entrata senza interagire con essa

– % Uscita – indica la percentuale di uscite dal sito da una pagina o un insieme di pagine specifico

L’altra voce interessante è il “Flusso di comportamento” che ti consente di capire da quali pagine entrano i tuoi utenti (considera che la “/” è  l’homepage) e da quali escono, misurando il numero di interazioni degli utenti col sito (il che vuol dire che maggiore è questo numero e più in profondità entreranno i tuoi utenti sul sito).

Ad esempio un utente potrebbe: entrare sull’homepage (quindi in “/”), poi andare nella Gallery, vedere la pagina del Chi Siamo dell’Azienda e infine mandare una mail dalla pagina Contatti!

Naturalmente Analytics è ricco di sorprese ed è un terreno fertile per scoprire ogni giorno funzionalità nuove ed interessanti: quindi il consiglio è sempre quello di sperimentare e studiare la documentazione ufficiale per eventuali ed ulteriori dubbi.

In conclusione possiamo dire che, con questa guida introduttiva, abbiamo visto come gli strumenti di Analytics permettano di capire, attraverso dati di qualità e non solo di quantità, se le nostre strategie online, in relazione al traffico del sito, siano efficaci e centrano gli obiettivi desiderati.

Se hai trovato utile questo articolo ti consiglio di seguirci sulla nostra pagina Facebook (clicca qui) e di iscriverti alla nostra newsletter in modo da restare aggiornato sui prossimi articoli, farci le tue domande e ricevere tutti i  prossimi contenuti formativi.

libro marketing liberal studio
Articoli Consigliati
Commenti

Lascia un Commento